NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Sequestro di armi nel loculo

Sequestro di armi nel loculo
da in Arresti, Carabinieri, Cronaca, Polizia
    Sequestro di armi nel loculo

    Un duro colpo alla malavita è stato inflitto a Bari dove i Carabinieri hanno arrestato 40 persone e sequestrato un arsenale di armi nascoste dentro i loculi del cimitero. L’operazione ha pesantemente colpito il clan Strisciuglio, egemone nella zona: tra i fermati anche il boss Domenico Strisciuglio. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno scovato un deposito di armi, destinate al clan, davvero insolito: in una tomba di un professore morto nel 1952 hanno trovato pistole, munizioni e persino una bomba “ananas” in grado di far saltare per aria una casa o un negozio. Scoperto anche un giro di racket a doppio mandato: per poter lavorare nella zona, in particolare nel settore dell’edilizia, gli imprenditori doveva pagare un doppio pizzo.

    I Carabinieri hanno così svelato il potere economico del clan che aveva interessi ovunque e in quasi tutti i cantieri, compreso quello per la scuola elementare a Palese: chi voleva lavorare doveva pagare il clan Scrisciuglio e quello dei Di Cosola.

    Anche un gruppo degli ultras del Bari Calcio aveva un ruolo nell’organizzazione: erano infatti loro a occuparsi di riscuotere il pizzo dai venditori ambulanti in occasione di concerti ed eventi allo stadio San Nicola, compresa l’esibizione di Vasco Rossi.

    Le indagini hanno permesso di svelare anche i riti di iniziazione, presi a prestito dalla camorra campana. Chi voleva far parte del clan, veniva presentato da un “padrino” e inizia la sua carriera, avanzando di grado: al quarto grado poteva fondare un proprio clan.

    In questo modo i boss e gli affiliati si garantivano un sostegno economico alle famiglie anche dal carcere grazie a una somma mensile, detta “spartenza”, che permetteva di mantenere un alto tenore di vita ai famigliari.

    I capo clan riuscivano così a gestire gli affari anche dal carcere: fondamentale in questo caso, il ruolo delle donne, vere e proprie messaggere che riuscivano a far viaggiare notizie dentro e fuori le prigioni, portando nelle celle anche della droga.

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArrestiCarabinieriCronacaPolizia
    PIÙ POPOLARI