NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

I compiti per le vacanze di Pasqua della maestra Margherita: ‘Riposati, gioca, stai con i tuoi genitori’

I compiti per le vacanze di Pasqua della maestra Margherita: ‘Riposati, gioca, stai con i tuoi genitori’
da in Bambini, Cronaca, Pasqua, Scuola
Ultimo aggiornamento: Venerdì 03/04/2015 12:23

    Riposati tanto, gioca all’aria aperta, stai il più possibile con i tuoi genitori, guarda meno tv. Sono questi i compiti per le vacanze di Pasqua asssegnati dalla maestra Margherita ai suoi piccoli alunni. Come riporta La Nuova Ferrara, Margherita Aurora, insegnante della seconda elementare delle scuole di Copparo, ha dato una lista di compiti diversa dal solito per la sosta paquale. Una decisione maturata nei vent’anni di carriera a fianco dei più piccoli che lei stessa ha definito “una svolta”. “Sono certa che il loro impegno sarà massimo perché i bambini, tutti, sono diligenti e responsabili e loro per primi hanno capito che si tratta di compiti veri e propri“, ha raccontato al quotidiano. Con dei compiti così piacevoli, sarà difficile che qualcuno non li faccia.

    Il primo compito assegnato riguarda il riposo. “Fai delle belle dormite riposanti, pisolini compresi“, si legge nella lista. Le vacanzae diventano così il momento per ricaricare le pile.

    Dopo i mesi invernali, passati per lo più al chiuso, è tempo di uscire. Così, il secondo compito è di uscire e stare all’aria aperta. “Se il tempo è bello non stare chiuso in casa, esci e gioca all’aperto“, scrive la maestra Margherita.

    Recuperare il tempo e aiutare mamma e papà. Le vacanze per la maestra Margherita diventano il momento in cui stare il più possibile con i genitori che durante l’anno scolastico si vedono poco, tra scuola e lavoro. “Passa tutto il tempo possibile con i tuoi genitori: se la mamma cucina qualcosa aiutala leggendole la ricetta e allungandole qualche ingrediente; se il papà ha tempo, fai delle belle passeggiate all’aperto con lui, a piedi o in bicicletta“, è il terzo compito.

    Imparare ad ascoltare e aprirsi a mondi diversi. Per questo, il quarto compito è quello di ascoltare le storie raccontate dai nonni e stare con loro, magari facendo un disegno insieme di quello che si è sentito. “Se hai dei nonni vicino a te, fatti raccontare le storie di quando erano piccoli: sono molto divertenti e loro saranno felici di parlartene“.

    Imparare ad amare la lettura, associandola a momenti belli e piacevoli. Il quinto compito riguarda la favola della buonanotte. “La sera, prima di dormire, fatti leggere una storia o un bel libro a puntate“, scrive la maestra Margherita che suggerisce anche di leggere a mamma e papà se loro sono stanchi. “Non dimenticare, prima di addormentarti qualche bella coccola“.

    Stare insieme agli altri bambini. Altro compito per le vacanze è proprio di “giocare in allegra con fratelli, sorelle, cugini, amici“; divertirsi sì ma ricordare di “avere rispetto e pazienza“.

    Basta guardare troppa tv: durante le vacanze meglio riposarsi anche dai troppi cartoni. La maestra Margherita ha chiesto agli alunni di “guardare meno tv“; in alternativa i bambini possono disegnare o leggere.

    Chi impara ad amare e rispettare gli animali da piccolo lo farà per sempre. Tra i compiti asseganti c’è così “giocare il più possibile con gli animali domestici” e di “curarli con particolare attenzione“: cani, gatti & Co non devono essere un capriccio ma una responsabilità di amore.

    Il mondo è fuori che aspetta di essere scoperto. Per questo, nelle vacanze pasquali, chi andrà in viaggio mentre è in viaggio non dovrà giocare con i videogiochi tutto il tempo“, ma guardare il paesaggio, i cartelli e segnare i nomi dei luoghi visitati magari con un bel disegno. “Se farai questa cosa su un foglio poi lo appenderemo in classe“, scrive la maestra Margherita.

    Infine, la maestra chiede un piccolo ripasso prima di rientrare a scuola, preparandosi con cura a ritornare in classe. “Il martedì, ultimo giorno ripassa le tabelline del 5“, si legge nella lista. A questo si aggiunge la cura delle proprie cose, con il controllo di astuccio e cartella “così da tornare a scuola ordinato e pronto al lavoro in classe“.

    1144

    PIÙ POPOLARI