Truffe telefoniche, nuovo allarme: con uno squillo si azzera il credito

da , il

    Truffe telefoniche, nuovo allarme: con uno squillo si azzera il credito

    In tema di truffe telefoniche, arriva un nuovo pericolo. E’ stata la questura di Vicenza a lanciare l’allarme: basta uno squillo e il credito si azzera o diminuisce vertiginosamente. Il tutto inizia quando si riceve sul cellulare una chiamata che proviene da un numero che comincia con il prefisso 373, quello della Moldavia. Di solito si riceve soltanto uno squillo e quindi non si fa in tempo a rispondere. Anche se si dovesse rispondere alla chiamata, cade immediatamente la linea.

    La truffa vera e propria avviene quando si richiama il numero. Non si avrà una risposta, ma si sentono soltanto dei suoni confusi. Nel frattempo verranno addebitati 1,50 euro ogni 10 secondi. In pratica i truffatori con un computer chiamano a caso molti numeri telefonici in tutto il mondo. Poi sperano che qualcuno richiami, in modo da cascare nel tranello. Per riavere il credito illecitamente sottratto, si deve presentare una denuncia. L’atteggiamento migliore consiste nel non rispondere a chiamate che non provengono da numeri in rubrica oppure che inizino con 373.