Maltempo in Italia, Capodanno al gelo: neve al Centro Sud

Maltempo in Italia, Capodanno al gelo: neve al Centro Sud
da in Capodanno, Cronaca, Disastri ambientali, Maltempo, Protezione civile
Ultimo aggiornamento:
    La neve sulla spiaggia dello Stretto di Messina

    Una fine dell’anno sotto la neve, anche nelle regioni del Sud del nostro Paese. Numerose difficoltà si sono registrare nelle ultime ore del 2014 a causa del ghiaccio e del freddo, che stanno mettendo in crisi in particolare il Centro Sud e la costa adriatica. E’ una vera e propria emergenza nel Sannio. E’ caduta molta neve anche a bassa quota nella città di Benevento e nei Comuni della provincia. I vigili del fuoco hanno dovuto effettuare diversi interventi su alcune arterie principali della zona, in cui molte automobili sono rimaste bloccate. Bari, Brindisi, Palermo, Lecce, Reggio Calabria, Taranto, Messina e Siracusa sono state colpite dal gelo e dalla neve. A Siracusa non succedeva da circa 80 anni.

    Proprio tra l’ultimo giorno dell’anno e l’inizio del 2015 sarà il momento più freddo, in cui si registreranno anche delle difficoltà relative alla circolazione dei treni. Un comunicato della Rete ferroviaria italiana ha messo in evidenza che in quattro regioni (Sicilia, Campania, Puglia e Calabria) è stato attivato l’apposito piano anti-neve.

    A causa delle forti nevicate è stata sospesa la circolazione sulle linee ferroviarie Palermo-Roccapalumba-Agrigento e Roccapalumba-Caltanissetta. Cancellati diversi voli in arrivo da Pantelleria e da Lampedusa all’aeroporto di Palermo. Disagi alla circolazione anche a Bari, in particolare nei cavalcavia e nei sottopassaggi. La circolazione ha subito dei rallentamenti nella Val di Chienti, nelle Marche. Temperature gelide anche in Abruzzo e in Ciociaria. In Valtellina si sono registrati -12,5 gradi alle 2 di notte e nella pianura tra Milano, Lodi e Cremona si sono toccati anche i 6 gradi sotto lo zero.

    Nel capoluogo campano per diverse ore gli aeroporti sono rimasti chiusi. Le condotte idriche sono gelate per le basse temperature e alcuni quartieri (Posillipo, Vomero, la parte alta di Fuorigrotta e Pianura) sono rimasti senza l’acqua. L’azienda comunale Acqua bene comune ha fatto sapere che sono stati effettuati più di 100 interventi di sostituzione di misuratori rotti a causa del freddo. Problemi nella circolazione dei treni si sono avuti nella linea a monte del Vesuvio. Traffico in difficoltà a Caserta, per il ghiaccio che si è formato sulle strade. La neve non cadeva a Salerno dal 1985.

    Secondo le previsioni, il maltempo potrebbe causare dei problemi di criticità idrogeologiche in Italia. Se al Nord e sulle coste tirreniche di Lazio e Campania si attendono delle condizioni soleggiate, le precipitazioni nevose interesseranno quasi tutto il resto della penisola. Proprio per questo è stato deciso di diramare l’avviso, in modo da poter intervenire preventivamente anche nella possibilità di evitare eventuali disastri ambientali.

    L’avviso meteo prevede un freddo pungente, che ci accompagnerà fino al nuovo anno. In pianura padana le temperature scenderanno, fino a toccare punte di -10 gradi e nelle prime ore del 2015 ci saranno temperature che si assesteranno poco sopra lo 0. Si attendono anche venti forti dai quadranti settentrionali su tutte le regioni del Centro Sud e sulle isole maggiori.

    Le coste esposte dovrebbero essere soggette a delle mareggiate. Rischio di media entità a livello idrogeologico soprattutto per alcune regioni, come le Marche, il Molise, la Basilicata, la Calabria, la Puglia, la parte settentrionale della Sicilia e la zona orientale della Sardegna. Tuttavia, come si evince dai dati che sono stati messi a disposizione, il maltempo dovrebbe rappresentare soltanto una fase passeggera per l’Italia. Proprio nel giorno di Capodanno dovrebbe arrivare l’alta pressione, che riporterà il bel tempo e, contemporaneamente, determinerà un rialzo delle temperature, con effetti notevoli soprattutto sulle coste.

    643

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CapodannoCronacaDisastri ambientaliMaltempoProtezione civile
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI