NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Licenziata per un post su Facebook: la storia di Marilena

Licenziata per un post su Facebook: la storia di Marilena
da in CISL, Cronaca, Facebook, Sindacati, Social Network, UIL
Ultimo aggiornamento:
    Licenziata per un post su Facebook: la storia di Marilena

    Anche in Italia ci sono casi di gente licenziata per aver pubblicato un post su Facebook. Marilena Petruccioli è una dipendente della Perugina-Nestlè dal 1996, ma l’azienda ha deciso di licenziarla per il contenuto di un post su Facebook. I sindacati hanno promesso battaglia.

    Marilena Petruccioli è stata licenziata ‘per giusta causa‘.

    La giusta causa, secondo l’azienda, sarebbe un post su Facebook in cui la lavoratrice, senza nominare l’azienda stessa, ‘si è opposta al comportamento di un caporeparto che avrebbe rimproverato un lavoratore dicendogli che per lui era necessario il collare‘.

    Lo ha denunciato Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale Sel.

    Il punto è che, alla lettera di contestazione, la lavoratrice, già componente della rsu Fai-Cisl aziendale e facente parte di categoria protetta, aveva risposto spiegando che il suo post non era riferito alla Nestlè.

    Cisl e Uil hanno denunciato la vicenda di Marilena Petruccioli, promettendo battaglia in solidarietà della dipendente licenziata.

    La vicenda, come accennato, è già finita in Parlamento con una interrogazione presentata dall’on.

    Nicola Fratoianni.

    207

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CISLCronacaFacebookSindacatiSocial NetworkUIL
    PIÙ POPOLARI