Napoli: introdotte le zone a traffico controllato nell’aeroporto di Capodichino

Napoli: introdotte le zone a traffico controllato nell’aeroporto di Capodichino
    Napoli: introdotte le zone a traffico controllato nell’aeroporto di Capodichino

    La giunta comunale di Napoli, su proposta del sindaco Luigi de Magistris, ha approvato una delibera relativa alla stipula di una convenzione tra l’amministrazione comunale, la polizia municipale, la Gesac (Gestione servizi aeroportuali campani S.p.A.) e l’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) per la gestione, nell’ambito del sedime aeroportuale, della viabilità ordinaria con presidio e monitoraggio delle aree individuate quali ‘Zone a traffico controllato‘, ossia zone nelle quali è limitato l’accesso o la permanenza ai sensi dalla Legge 33 del 2012.

    La convenzione – atto senza impegno di spesa per l’amministrazione comunale – ha la durata di cinque anni ed è rinnovabile per altri cinque sulla base delle valutazioni espresse dai soggetti sottoscrittori. Con l’accordo è prevista l’installazione ai varchi dell’aeroporto di dispositivi elettronici omologati che verificano l’accesso ed il tempo di permanenza nelle suddette aree, procedendo -come avviene per le ztl – all’accertamento automatico delle violazioni. Le apparecchiature saranno collegate direttamente ai server della polizia locale che incamererà i proventi derivanti dal pagamento delle sanzioni amministrative.

    Le aree soggette a restrizioni sono individuate in un’ordinanza della direzione aeroportuale dell’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac), sentita la società Gesac, a salvaguardia della sicurezza della circolazione, dell’accessibilità, della fruibilità dell’utenza, opportunamente delimitate con apposita segnaletica.

    Della convenzione fanno parte anche aspetti che afferiscono all’impegno della polizia municipale in ordine al contrasto all’abusivismo di ogni genere, con particolare riferimento all’esercizio non autorizzato di trasporto pubblico. Napoli è la terza città italiana dopo Milano e Roma ad adottare una simile iniziativa.



    361

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AeroportiCompagnie aereeCronacaLuigi de MagistrisTrasporti

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI