Divorzio breve, al Senato sarà guerra di religione

Divorzio breve, al Senato sarà guerra di religione
Titolare dell'Agenzia Italiana Genitori Separati in Chiesa cattolica, Cronaca, Divorzio, Leggi, Parlamento Italiano, Riforme
Segui autore:
    Divorzio breve, al Senato sarà guerra di religione

    Prima l’ok della commissione Giustizia della Camera. Poi il sì schiacciante dell’aula con 381 voti a favore, 30 contrari e 14 astenuti. Così è maturata la convinzione che al Senato il ddl sul divorzio breve, che riduce i tempi della separazione a sei o dodici mesi a seconda che il procedimento sia consensuale o contenzioso, possa finalmente diventare realtà.

    L’ottimismo trova conferma anche nei risultati dell’ultimo sondaggio Eurispes: otto italiani su dieci sono favorevoli e, negli ultimi tre anni, le percentuali sono cresciute costantemente (dall’82,2% del 2012 all’attuale 83,5%), interessando trasversalmente tutte le fasce di età (l’86,1% tra i 18 e i 24 anni, l’83,1% tra i 25 e i 34, il 90,2% tra i 35 e i 44, l’88,1% tra i 45 e i 64 e il 70% degli over 65).
    Eppure dire che, al Senato, lo scontro ideologico tra laici e cattolici potrebbe nuovamente affossare il provvedimento non è certo un azzardo. Innanzitutto perché il nostro non è ancora uno Stato laico. La secolare tradizione clericale ne ha fortemente condizionato l’autonomia al punto da convincerci che quella del divorzio breve sia una questione morale e non di diritti civili.
    In secondo luogo perché le voci contrarie, capaci di orientare il voto politico, non sono né poche né di poco spessore: su tutte quella del cardinale Bagnasco, che nell’accorciamento dei tempi della separazione vede il rischio di un ulteriore indebolimento della famiglia, e quella di monsignor Galantino, secondo cui il divorzio breve sarebbe una vera e propria deriva culturale.

    Infine perché, andando a ritroso nel tempo, i due più recenti tentativi di riforma raccontano di miseri fallimenti: quello del 2012, che ha visto il ddl approvato in commissione Giustizia, calendarizzato alla Camera, ma poi non approvato, e il precedente del 2007, naufragato proprio al Senato.
    A questo punto bisogna solo augurarsi che, una volta tanto, il proverbio “Non c’è due senza tre” non valga.

    345

    SCRITTO DA Fabrizio Dell'Anna Titolare dell'Agenzia Italiana Genitori Separati Segui autore:
    PUBBLICATO IN Chiesa cattolicaCronacaDivorzioLeggiParlamento ItalianoRiforme
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI