Cassazione, si può mandare a quel paese il proprio capo

La Corte di Cassazione ha stabilito che un dipendente può mandare a quel paese un proprio superiore senza configurare un atto di indisciplina tale da portare al licenziamento. La sentenza è arrivata dopo l'esame del caso di un dipendente di una società abruzzese reo di aver mandato a quel paese un suo superiore, per di più donna, ed essere stato licenziato. Il dipendente ha ottenuto il reintegro, dopo 4 anni, ed un risarcimento di 2500 euro.

Leggi tutto su tuttogratis.it

comments powered by Disqus
SCARICA L’APP NANOPRESS

Leggi gratis e dove vuoi tutte le news dal mondo in tempo reale

NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD