Monte dei Paschi, la GdF ha perquisito anche la casa del presidente dell'Abi

Questa mattina la Guardia di Finanza ha fatto irruzione nella sede centrale del Monte dei Paschi di Siena a Rocca Salimbeni con l’obiettivo di perquisire gli uffici ed i computer che gestiscono una delle prime banche d’Italia. Le perquisizioni non si sono limitate alla sede centrale, ma hanno interessato anche le sedi di Firenze, Roma, Milano e Padova. Nel mirino delle Fiamme Gialle anche le abitazioni private di alcuni dirigenti del Monte dei Paschi.

Di sicuro il nome più altisonante, tra i dirigenti che hanno subito delle perquisizioni, è quello di Giuseppe Mussari ex presidente del Monte dei Paschi di Siena ed attuale presidente dell'Abi.

Le perquisizioni hanno coinvolto un gran numero di dirigenti. E' stata perquisita l’abitazione del presidente Gabriello Mancini, e quelle dell’ex direttore generale del Monte dei Paschi, Antonio Vigni, e dell’attuale direttore generale della Fondazione Mps Claudio Pieri.

Le indagini riguardano l’acquisizione, datata 2008, da parte del Monte dei Paschi della Banca Antonveneta. A condurre le perquisizioni all’interno della sede principale del Monte dei Paschi di Siena è il sostituto procuratore Antonino Nastasi. Una delle prime azioni portate a termine dalla Guardia di Finanza è stata bloccare i server dove si appoggiano i computer della banca.

All’indagine sono interessate anche le istituzioni perché le perquisizioni hanno riguardato anche uffici del Comune di Siena e della Provincia di Siena. Gli indagati, però, sono due e sono entrambi esponenti del Monte dei Paschi. Non si conoscono ancora i nomi degli indagati.

I reati ipotizzati sono quelli di manipolazione del mercato e di ostacolo alle funzioni delle autorità di vigilanza. I fatti risalgono al 2008 quando il Monte dei Paschi ha acquisito la Banca di Antonveneta ed in particolare gli inquirenti sono interessati al reperimento dei fondi necessari per l’acquisizione, alle comunicazioni fatte agli organi di vigilanza e ad eventuali operazioni per alterare il valore di scambio del titolo in borsa. L’acquisizione di Banca Antonveneta è stata portata a termine pagando nove miliardi di euro a fronte di un valore di mercato di 2.3 miliardi di euro.

Intanto questa mattina il titolo del Monte dei Paschi è stato sospeso per eccesso di ribasso.

Leggi tutto su fattidicronaca.it

comments powered by Disqus
SCARICA L’APP NANOPRESS

Leggi gratis e dove vuoi tutte le news dal mondo in tempo reale

NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD