Ghiacciai scomparsi e in via di sparizione in Italia, i casi più eclatanti

I cambiamenti climatici sono i primi responsabili della scomparsa dei ghiaccia in Italia, la cui superficie si è ridotta del 30 per cento negli ultimi 50 anni. Ecco quali sono i ghiacciai scomparsi e quelli a forte rischio nel nostro Paese

da , il

    La situazione dei ghiacciai in Italia sta diventando sempre più drammatica: negli ultimi 50 anni la loro superficie si è ridotta del 30 per cento, e le notizie degli scienziati circa ghiacciai scomparsi o a forte rischio sparizione si susseguono allarmanti ogni anno che passa. Le cause sono da imputarsi nella siccità e l’aumento medio delle temperature che riduce le precipitazioni, figlie dei cambiamenti climatici che stanno mettendo a dura prova i vari ecosistemi presenti nel territorio nostrano. Qui di seguito proponiamo una sintetica panoramica dei ghiacciai scomparsi, frantumati e ridotti di dimensione, quelli che insomma proprio non se la passano bene, per cui stiamo assistendo impotenti al loro arretramento, quando non alla sparizione.

    Ghiacciaio del Calderone

    Nel caldissimo agosto 2017 è giunta la notizia della scomparsa del ghiacciaio del Calderone, situata sul Gran Sasso in Abruzzo, il più a sud d’Europa. Sotto la ghiaia rimane uno strato di ghiaccio fossile, ma anch’esso si riduce ogni anno di più.

    Morteratsch

    Il Morteratsch si trova al confine con la Svizzera, sul versante nord del Massiccio del Bernina: questo ghiacciaio sta conoscendo una sistematica riduzione della sua superficie, secondo quanto si può capire dai cartelli posti lungo un suo sentiero arretra di circa 200 metri ogni dieci anni.

    Ghiacciaio dei Forni

    Nel 2015 si è frantumato in tre blocchi il ghiacciaio dei Forni, perdendo la caratteristica che ne aveva connotato la sua fama, ovvero quello di essere il gigante del Parco nazionale dello Stelvio. Questo ghiacciaio è diventato negli ultimi anni il simbolo della cosiddetta ‘deglaciazione’ che sta interessando le Alpi.

    Lys

    Un altro ghiacciaio che ha visto frantumarsi addirittura in quattro tronconi è il Lys in Valle d’Aosta, uno dei più grandi presenti in questa regione al confine con la Francia. Una situazione paragonabile a quella di altri ghiacciai limitrofi.

    Ghiacciaio Lex Blanche

    Sempre in Val d’Aosta, soffre le conseguenze dei cambiamenti climatici il ghiacciaio della Lex Blanche, che si trova nel massiccio del Monte Bianco nel versante valdostano. La sua estensione originaria è di 400 ettari.

    Ghiacciaio del Careser

    Il ghiacciaio del Careser è situato a una quota media di 3000 metri e si trova in val di Peio, nel gruppo Ortles-Cevedale: anche questo enorme blocco di ghiaccio in Trentino è in forte sofferenza a causa delle stagioni sempre più elevate e alle scarse nevicate.

    Ghiacciaio dell’Adamello

    Il ghiacciaio dell’Adamello è il più vasto delle Alpi italiane, situato si trova in alta Val Camonica, a cavallo tra la regione Lombardia ed il Trentino-Alto Adige, ma la sua superficie si sta riducendo inesorabilmente a causa dei cambiamenti climatici.