GAS: gruppi d’acquisto solidale, cosa sono e perché convengono

Cosa sono i gruppi di acquisto solidale, che tentano un approccio critico al consumo applicando i principi di equità, solidarietà e sostenibilità ambientale ai propri acquisti, siano essi riguardanti prodotti alimentari o altri beni di largo consumo

da , il

    GAS: gruppi d’acquisto solidale, cosa sono e perché convengono

    Sempre più spesso di sente parlare anche in Italia dei GAS, ossia i gruppi d’acquisto solidale: ma cosa sono i GAS? Come funzionano? Proviamo a capire qualcosa di più di questo modo fondamentalmente nuovo di approcciare alla nostra quotidianità, applicando un approccio critico al consumo attraverso i principi di equità, solidarietà e sostenibilità ambientale ai propri acquisti, che riguardano in prima istanza i prodotti alimentari, ma il discorso si può allargare anche ad altri beni di largo consumo. Ciò che li distingue da altri gruppi di acquisto è il principio etico che si cela dietro la parola ‘solidale’, rendendo i GAS non solo convenienti dal punto di vista del risparmio economico, ma anche per rendere più sostenibile la nostra presenza sul pianeta, rispettando i corretti principi ecologici ed ambientali.

    Cosa sono i GAS?

    Dunque per rispondere alla domanda preliminare su cosa sono i GAS, possiamo rispondere sinteticamente dicendo che si tratta di gruppi di consumatori che decidono spontaneamente di riunirsi e comprare insieme seguendo un principio di responsabilità condivisa, di consumo critico e di rispetto dell’ambiente. I principi fondamentali su cui si basano i gruppi di acquisto solidale sono la consapevolezza critica sui guasti ecologici del consumismo senza freni, promuovendo la filiera produttiva biologica e soprattutto a chilometro zero, che riduce sensibilmente l’inquinamento: ad esempio mangiare frutta e verdura di stagione comporta benefici spesso insospettabili nel lungo periodo, e non soltanto per la salute individuale. Ma il concetto di solidarietà si estende anche in un nuovo modo di instaurare relazioni sociali improntate appunto alla cooperazione e all’aiuto per la salvaguardia delle tradizioni agricole locali, assumendo una forte connotazione politica, sociale e culturale, senza contare anche il risparmio economico derivante da un approccio critico al consumo.

    Come funzionano i GAS?

    Appurato per linee generali cosa è un gruppo di acquisto solidale e perché risulta conveniente sotto il profilo sia etico che economico, vediamo di capire qualcosa di più sulla sua struttura. Generalmente i Gas funzionano in questa maniera: una volta riuniti, i partecipanti convergono su una lista di prodotti su cui intendono eseguire gli acquisti collettivi, compilano un ordine avendo contatti diretti con i produttori, e quando arriva la merce ordinata, questa viene suddivisa tra le famiglie che appartengono al gruppo ed ognuno paga per la sua parte. Molti di questi GAS si organizzano in maniera autonoma e indipendente, altri si appoggiano ad associazioni e strutture più grandi, altri ancora si specializzano su uno specifico settore, come può essere l’alimentare biologico oppure i servizi energetici.

    Esempi di gruppi di acquisto solidale

    In Italia sono sorte negli ultimi anni decine di gruppi di acquisto solidale, da nord a sud, conoscendo un successo crescente: è il caso ad esempio de L’Alveare che dice sì, un progetto nato in Francia e approdato anche da noi, che mette in contatto diretto i produttori locali e i gruppi di consumatori organizzando mercatini a chilometro zero, e che vanta oggi un buon numero di questi ‘alveari’ anche sul nostro territorio, come si può scoprire consultando il sito internet. Ancora di più lunga data è l’attività di Galline felici, consorzio siciliano che ha raggiunto i dieci anni di attività nel 2017, trasformando in realtà l’ambizioso sogno di un progetto di coproduzione di avocado alle pendici dell’Etna, sostenuto oggi da oltre 7mila consumatori in Francia e Belgio: un ottimo esempio di green economy e di economia solidale in armonia con il proprio territorio. Ma sono davvero tanti i gruppi di acquisto e le organizzazioni di economia solidale presenti in Italia, come Della rava e della fava attivo in Piemonte, Variomondo a Milano dedicato al commercio equo-solidale di prodotti artigianali ed alimentari provenienti dai Paesi del Sud del Mondo, e tantissime altre che nascono spontaneamente ogni giorno. I Gas sono una concreta alternativa al modello distributivo tradizionale, basato su un basso impatto ambientale coniugato accanto al risparmio economico.