Danilo Mainardi, morto uno dei più stimati etologi italiani reso famoso da Piero Angela

Un'intera esistenza dedicata all'osservazione degli animali e alla divulgazione scientifica.

da , il

    Danilo Mainardi, morto uno dei più stimati etologi italiani reso famoso da Piero Angela

    E’ morto Danilo Mainardi, uno dei più stimati etologi d’Italia e del mondo, nonché grande divulgatore scientifico reso famoso al grande pubblico dalla trasmissione Super Quark di Piero Angela. Ha lasciato il palcoscenico della vita all’età 84 anni: ha dedicato la sua intera esistenza all’osservazione degli animali, ne ha studiato il comportamento, lo sviluppo e le capacità di comunicazione, attraverso l’habitat in cui vivono.

    Danilo Mainardi, classe 1933, è nato a Milano. Negli anni della guerra, per proteggere se stesso e la sua famiglia dalle bombe, si ritirò nelle campagne di Soresina, vicino Cremona. Il primo concreto avvicinamento al mondo della natura, che poi sarebbe diventato il fulcro della sua intera esistenza.

    E’ stato insegnante all’Università Ca’ Foscari di Venezia, collaboratore del Corriere della Sera, direttore della Scuola internazionale di etologia di Erice, presidente onorario della Lipu (la Lega per la protezione degli uccelli), e membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze e dell’International Ethological Society, di cui è stato anche presidente.

    Mainardi ha scritto anche moltissimi libri, il primo fu ‘La scelta sessuale nell’evoluzione della specie’, pubblicato nel 1968 da Boringhieri; l’ultimo è stato La città degli animali ed è uscito lo scorso anno. Nel corso della sua lunga carriera, è stato anche direttore dell’Italian Journal of Zoology. Inoltre, ha frequentato spesso, in veste di ospite, programmi di divulgazione scientifica condotti dall’amico Piero Angela, uno su tutti, SuperQuark.

    La moglie: ‘Mi ha sorriso un’ultima volta’

    Il celebre etologo Danilo Mainardi è morto questa mattina, alle 5.30. Si è spento con serenità, al fianco della moglie Patrizia, che ha dichiarato al Corriere della Sera: ‘Mi ha sorriso un’ultima volta. Dopo un lungo periodo di malattia non privo di complicazioni. Ci ha lasciati come poteva fare lui, nel giorno della donna e dell’uscita della sua collana dedicata agli animali sul Corriere’.

    Mainardi sarà sepolto a Casalmorano, nel Cremonese, dove era nato.