Pastore abruzzese, carattere del cane

Un esemplare caratterizzato da intelligenza, equilibrio caratteriale, dignità e istinto naturale per la guardia

da , il

    Pastore abruzzese, carattere del cane

    Con il suo caratteristico manto bianco, il pastore abruzzese è uno degli esemplari più belli ed apprezzati dagli amanti dei quattro zampe: ma qual è il carattere del cane pastore abruzzese? Si tratta di un esemplare che presenta in sé doti di spiccata intelligenza ed equilibrio caratteriale, ma in virtù anche del suo istinto naturale e non addomesticato per la guardia, è un animale che tratta l’uomo come un amico, da pari a pari: dunque non è una razza canina ideale per chi cerca ubbidienza e sottomissione, visto che il pastore abruzzese conserva peculiarità caratteriali più vicine a un animale selvatico che non al tipico cane da compagnia. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche essenziali del carattere del cane pastore abruzzese.

    Essendo stato impiegato per secoli nella vita pastorizia, il maremmano abruzzese, come è più opportuno chiamare questa razza canina, è abituato ad avere con l’uomo un rapporto di amore senza dipendenza e sottomissione, spirito di intraprendenza e iniziativa, diffidenza verso chi non conosce. Solo trattandoli alla pari si riesce ad avere amore e rispetto da questo cane, che presenta un carattere parzialmente simile a quello di altre razze, ed alcune peculiarità specifiche.

    Vigilanza e aggressività

    Il pastore abruzzese non è mai inutilmente aggressivo, benché il carattere del cane lo porti istintivamente a difendere il bene da proteggere: straordinaria è la capacità di questa razza di frapporsi sempre a metà strada tra il bene e l’intruso visto come una minaccia, e su tale posizione si mantiene prima di passare all’azione o di ripiegare al posto di guardia. Il carattere del cane pastore abruzzese lo porta ad essere vigile e attento, non lasciandosi mai sorprendere e reagendo sempre con prontezza a chi minaccia il gregge. Questa abitudine secolare lo porta ad accettare controvoglia gli interventi moderatori dell’uomo, proprio perché abituato a considerarsi suo pari, e ad avere con lui un rapporto di completa simbiosi e fiducia.

    Intelligenza e fedeltà

    L’intelligenza del pastore abruzzese è particolarmente spiccata, manifestandosi soprattutto nell’attività lavorativa a fianco dell’uomo a scorta del gregge: questo cane è in grado di staccarsi dal gruppo di sua iniziativa per soccorrere una pecora azzoppata o per qualsiasi altro motivo che rallenta la marcia, come pure accovacciarsi pazientemente accanto ad una pecora partoriente per poi accompagnarla nel suo rientro al gregge. Questa razza presenta un ottimo livello di equilibrio nervoso, essendo dunque in grado di controllare le proprie reazioni in presenza dei più diversi stimoli: ne deriva che il suo livello di fedeltà e dedizione all’uomo nel lavoro è totale, a patto di non concepirlo appunto come cieca obbedienza ma nel rispetto reciproco dei ruoli. Non si tratta di un cane che si lascia comandare passivamente ed imporre la volontà del padrone: andrebbe contro la dignità e fierezza che caratterizzano questa specie, invero unite ad un innato senso di responsabilità per il loro dovere.

    Foto di Simone

    Altre caratteristiche del pastore abruzzese

    Il pastore abruzzese è un cane molto pulito, ed anche questa caratteristica deriva dal suo impiego solitario, tanto che sin da cuccioli manifestano la capacità di fare i loro bisogni distanti dall’area in cui giocano o riposano. La loro vita in comune è caratterizzata da una forte organizzazione gerarchica, con un capobranco che comanda, generalmente maschio, fino a quando non verrà a sua volta spodestato da un rivale più giovane che lo sottomette dopo una lotta. Un’altra particolarità della razza che si manifesta in branco è la difficoltà che si incontra molto spesso nell’accoppiamento, poiché la femmina tende a ringhiare ad un maschio sconosciuto, il quale a sua volta non si avvicina se vede la femmina comportarsi in questo modo: gli accoppiamenti generalmente dunque avvengono all’interno del branco, con la femmina che si rende disponibile solo ad un maschio che si è guadagnato il suo interesse e i suoi onori.