Come fare la raccolta differenziata: gli errori più comuni da evitare

Come fare la raccolta differenziata in maniera corretta, evitando gli errori più comuni che inducono a gettare determinati rifiuti nel cassonetto sbagliato. Una guida che aiuta a dirimere i dubbi tipici nello svolgimento della raccolta differenziata.

da , il

    Pur essendo fortunatamente diventata prassi comune in tutti i Comuni d’Italia, molti cittadini avanzano ancora dubbi su come fare la raccolta differenziata per bene, evitando gli errori più comuni che inducono a gettare determinati rifiuti in un cassonetto piuttosto che un altro. Siete anche voi tra coloro che non hanno ben capito cosa fare degli scontrini del supermercato oppure di un bicchiere rotto? Qui di seguito vi spieghiamo come fare la raccolta differenziata in maniera corretta contribuendo al benessere ecologico del pianeta senza rovinare così il processo di riciclaggio dei rifiuti.

    Scontrini

    Gli scontrini dei supermercati o le ricevute del bancomat sono tutti composti con carta chimica, ciò significa che le particelle componenti tali prodotti reagiscono al calore generando problemi, dunque non vanno gettati nella carta, ma nell’indifferenziata.

    Foto di lotarsan

    Pile scariche

    Come fare la raccolta differenziata per bene se si gettano le pile scariche nell’indifferenziata? Le batterie sono infatti inquinanti e altamente tossiche, la maniera migliore per riciclarle è portarle negli appositi punti di raccolta, generalmente collocati presso ogni rivendita di tabacchi.

    Alluminio

    Dove vanno gettati i contenitori di alluminio? Dipende. Ogni comune ha infatti delle regole proprie in merito, e dunque è necessario informarsi se vanno nel bidone della plastica, del vetro o in sacchi appositi. In ogni caso la regola generale è che i fogli di alluminio con cui richiudiamo il cibo siano sempre ben ripuliti dai residui.

    Fazzoletti sporchi

    I fazzoletti sporchi vanno gettati nell’umido e non nell’indifferenziata poiché si decompongono e possono essere riciclati come concime.

    Bicchiere di vetro

    Poiché la raccolta del vetro è destinata alle sole bottiglie e ai barattoli, un bicchiere di vetro rotto, come qualsiasi altro oggetto che non rientri tra i contenitori sopracitati, va gettato nel bidone dell’indifferenziata.

    Specchi

    Anche specchi e ceramiche, che istintivamente pensiamo di gettare nel vetro, sono materiali non riciclabili e pertanto sono destinati ad essere buttati nell’indifferenziata.

    Olio

    L’olio non va assolutamente gettato nel lavandino perché potrebbe degradare la potabilità dell’acqua, ma deve essere messo in un contenitore ben chiuso e portato in discarica.

    Vasetti yogurt

    Prima di gettarli nel bidone destinato al riciclo della plastica, i vasetti degli yogurt devono essere puliti per bene altrimenti potrebbero invalidare il processo di riciclaggio.

    Contenitore pizza

    Un altro errore molto comune nel fare la raccolta differenziata è buttare nel bidoncino destinato al riciclo della carta il contenitore sporco della pizza, che rischia di abbassare la qualità del riciclaggio. Il contenitore può essere gettato nella carta solo se ben pulito, altrimenti meglio destinarlo all’indifferenziata.

    Carta con busta di plastica

    Un altro errore da evitare nella raccolta differenziata è gettare la carta con tutta la busta di plastica che la contiene nel cassonetto, poiché potrebbe rovinare l’intero processo di riciclaggio. Va sempre buttata la carta in un contenitore di carta e la plastica in uno di plastica.