Le 7 invenzioni del 2016 che aiutano l’ambiente

Quali sono le invenzioni che aiutano l'ambiente che hanno maggiormente caratterizzato questo 2016, quando l'intelligenza dell'uomo si mette a servizio del pianeta, e non cerca invece di danneggiarlo.

da , il

    Quali sono le invenzioni del 2016 che aiutano l’ambiente, mostrandoci una direzione chiara su quale cammino deve intraprendere l’umanità? Solitamente siamo abituati a parlare delle azioni scellerate che i nostri simili compiono sull’ambiente circostante, producendo guasti incalcolabili, ma quando l’intelligenza dell’uomo si mette a servizio del pianeta, e non cerca invece di danneggiarlo, è in grado di generare meraviglie assolutamente entusiasmanti: ecco per voi le 7 invenzioni green del 2016, le idee più innovative e all’avanguardia che hanno colpito la nostra immaginazione tra le miriadi di proposte eco-friendly che si riversano ogni anno in nome della salvaguardia della Terra.

    Batteria a flusso organica

    Dopo un anno di lavoro dall’acquisizione del brevetto dell’Università di Harvard, Green Energy Storage ha presentato la prima batteria a flusso organica per l’accumulo di energia pulita, che si connota per il basso impatto ambientale e il costo alquanto contenuto. Alla base del rivoluzionario prodotto vi è il chinone, una molecola prodotta dalle piante durante la fotosintesi, e che rappresenta un ulteriore passo avanti nel campo delle rinnovabili.

    Diserbante senza chimici

    Un’azienda sarda ha ideato un diserbante senza agenti chimici fondato sullo sfruttamento di vapore e scarti naturali derivanti dalle lavorazioni sia alimentari che edili. Un diserbante che, al contrario di quelli normalmente utilizzati, non rischia di inaridire il terreno ma anzi lo nutre dopo aver disinfestato le piante nocive.

    Vernice ecologica

    Si chiama Airlite la vernice ecologica ideata dal bolognese Massimo Bernardoni, che è in grado di catturare l’anidride carbonica nell’atmosfera mediante una polvere inorganica che riesce a eliminare muffe, batteri e cattivi odori grazie a un processo simile alla fotosintesi delle piante. La vernice è applicabile sia all’interno che all’esterno di un qualsiasi muro, combattendo in questo modo tanto lo smog quanto l’inquinamento in casa.

    Pannelli termoconduttori

    Un team di scienziati del Fraunhofer, noto centro di ricerca tedesco, ha creato dei nuovi pannelli termoconduttori capaci di rinfrescare con il minimo consumo energetico, e che in un prossimo futuro potrebbero sostituire i condizionatori d’aria. Si tratta di una tecnologia altamente innovativa che impedisce la formazione di condensa interna, e secondo gli ideatori sarebbe in grado di far risparmiare fino al 70 per cento di energia elettrica.

    Drone sottomarino

    Altra invenzione tutta made in Italy è Venus Swarm, ossia sciame di Venere, una batteria di droni sottomarini in grado di emulare le evoluzioni subacquee dei pesci fungendo da sentinelle del mare: lo scopo è sorvegliare la temperatura e il grado di salinità degli oceani, studiare le correnti e l’erosione, avendo anche la capacità di anticipare l’arrivo uno tsunami.

    Pannelli solari invisibili

    iLooxs, una start up torinese, dopo tre anni di lavoro ha annunciato nel 2016 l’ideazione di pannelli solari invisibili attraverso immagini e rivestimenti da utilizzare per mimetizzare le strutture nell’ambiente circostante. Pensato inizialmente per il mercato del lusso, questo prodotto potrebbe essere applicato anche nel campo dei beni culturali, dove i pannelli solari ancora stentano ad essere utilizzati per rispetto di vincoli architettonici. La start up prevede di commercializzare i pannelli nel 2017.

    Aspirapolvere eolico

    Si trova a Rotterdam il più grande aspirapolvere ad energia eolica mai ideato: Smog free tower è una torre alta 7 metri in grado di aspirare le polveri sottili dall’aria circostante producendo bolle di aria pulita. L’invenzione è stata brevettata da Daan Roosegaarde, designer olandese, applicando a questo strano aspirapolvere la tecnologia agli ioni.