Meteo luglio 2016: Italia torna rovente con l’anticiclone Caronte

Meteo luglio 2016: Italia torna rovente con l’anticiclone Caronte

Nelle zone interne della penisola previste temperature che saliranno fino ai 38-39 gradi centigradi

da in Ambiente, Clima, Previsioni meteo
    Meteo luglio 2016: Italia torna rovente con l’anticiclone Caronte

    La tregua al grande caldo è stata breve ed effimera: le previsioni meteo di luglio 2016 in Italia raccontano di una nuova ondata di afa e temperature bollenti su tutto lo Stivale, a causa dell’arrivo dell’anticiclone Caronte che farà boccheggiare gli italiani almeno fino a domenica 24. Il peggioramento dello scorso weekend aveva fatto scendere le temperature anche di 10 gradi, ma secondo le previsioni degli esperti, da nord a sud, soprattutto nelle zone interne, si arriveranno a sfiorare i 40 gradi, anche a causa della forte umidità che farà percepire temperature ancora più soffocanti.

    Dietro l’infernale nome di Caronte si cela quello che gli esperti definiscono un vasto campo di alta pressione a matrice sub-tropicale, che ha già raggiunto l’area del Mediterraneo: chi avrà la fortuna di potersi recare al mare, potrà godere di sole e bel tempo per tutta la settimana, fatta eccezione per qualche temporale sparso che scalfirà un poco l’alta pressione nelle regioni settentrionali. Le temperature saliranno gradualmente e inesorabilmente, e se è vero che in Spagna supererà persino i 40 gradi, in Italia non andremo molto lontani da tali numeri: previsti infatti fino a 37 gradi a Verona, Bologna, Alessandria e Cagliari, che saranno le città più calde secondo gli esperti, seguite da Roma e Firenze appena un grado sotto, Napoli fino a 34 gradi, mentre la colonnina di mercurio segnerà 35 gradi nelle zone interne di Puglia, Sicilia e Sardegna.

    Per quanto riguarda il resto d’Italia, nelle zone interne della Pianura Padana ci si attesterà sui 32 gradi circa di media, ma qui come nel resto del Paese, fatta eccezione parzialmente per i tratti costieri che godranno di una discreta ventilazione, il vero pericolo è l’afa che aumenterà a dismisura: secondo i meteorologi si avvertirà soprattutto al mattino e nelle ore dopo il tramonto, promettendo sonni ampiamente disturbati, mentre di giorno l’ampio soleggiamento dovrebbe asciugare l’aria dalla temuta umidità, assestandosi intorno a valori inferiori al 50 per cento.

    Di buon mattino e dopo il tramonto l’umidità salirà e supererà il 60 per cento, causando sensazioni di disagio psico-fisico. Gli esperti consigliano per chi resta in città di uscire di casa il meno possibile, idratarsi molto e mangiare frutta e verdure fresche per alleviare tali disagi, e particolare premura viene richiesta per bambini, anziani, malati cardiaci, ed anche per gli animali domestici.

    447

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AmbienteClimaPrevisioni meteo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI