5 cose che non bisogna buttare nel water

5 cose che non bisogna buttare nel water
da in Acqua, Ambiente, Ecologia, Fiumi, Greenpeace, Impatto ambientale, Inquinamento, Inquinamento dell'acqua, Laghi, Mare, Tutela ambientale
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19/10/2016 07:17

    water

    Lo facciamo tutti, inutile nascondersi: buttare nel water delle cose e poi tirare lo sciacquone, come se fosse una sorta di pozzo senza fondo che espelle la materia in un’altra dimensione. Ed invece il sanitario non è una discarica, e quelle cose che senza riflettere vi gettiamo dentro finiscono dopo un lungo percorso inevitabilmente nelle acque di mari, fiumi e laghi, inquinandoli. Abbiamo già visto come l’azione umana trasformi oceani e specchi di mare di tutto il pianeta in immondezzai, ma nel nostro piccolo ognuno di noi può fare qualcosa per cambiare la rotta: ad esempio prendendo nota di almeno 5 cose che non bisogna buttare nel water poiché non sono biodegradabili, come suggerito da un articolo di Greenpeace Australia. Consigli universali che si adattano tranquillamente anche a noi italiani, e non soltanto agli abitanti della terra dei canguri.

    preservativo

    Non sappiamo mai dove gettarli dopo averli utilizzati, ma i condom di sicuro non devono finire nel sistema fognario, in quanto l’acqua non è in grado eliminarli. Per cui se non vogliamo trasformare gli oceani in una distesa di preservativi usati per il prossimo secolo almeno, è bene buttarli nel bidone dell’indifferenziato.

    assorbente interno

    Anche gli assorbenti femminili sono una minaccia, sia per le fogne che per le tubature domestiche: considerando che una donna utilizza nella sua vita circa 12mila di questi composti di cotone e plastica, potete immaginare le conseguenze. Fortunatamente esistono anche delle alternative non usa e getta, ma in ogni caso di sicuro non si buttano nel wc.

    cotton fioc

    Molti li usano per pulirsi le orecchie, ma i cotton fioc o bastoncini di ovatta che dir si voglia sono tutt’altro che biodegradabili, ed anzi una volta nelle fogne diventano una pericolosa e inquinante massa informe. Anche qui secondo Greenpeace esistono delle alternative riutilizzabili che ne delimitano la portata ambientale.

    salviette umidificate

    Le salviette umidificate non sono tutte biodegradabili, ma in ogni caso il consiglio è di non buttarle nel sanitario, poiché finiscono per intasare il sistema fognario. Le alternative ecologiche per ridurre l’impatto ambientale non mancano nemmeno in questo caso.

    pesci rossi

    Chiudiamo con un consiglio solo apparentemente stravagante: i pesci rossi. Lo scarico non è il modo migliore per disfarsi una volta per tutti di questi animaletti domestici, poiché una volta nelle acque reflue urbane sono in grado di riprodursi e moltiplicarsi con una tale velocità da creare seri problemi. Può sembrare uno scherzo, ma è accaduto sul serio in alcune parti del mondo.

    688

    PIÙ POPOLARI