16 casi di omosessualità nel regno animale

16 casi di omosessualità nel regno animale
da in Ambiente, Animali, Animali domestici, Animali Esotici, Animali Selvatici, Omosessualità
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16/05/2016 11:06

    Giraffe

    In natura esistono degli animali gay. Dopo le polemiche sollevate in relazione alla legge Cirinnà, che inevitabilmente ha coinvolto anche il Vaticano, da dove Papa Francesco ha pontificato per bocca del cardinal Bagnasco, in molti si sono schierati sotto la bandiera del ”no”, sostenendo fortemente che l’omosessualità sia una cosa contro natura. In natura però i comportamenti gay messi in atto dagli animali sono evidenti. Gli articoli degli studiosi al riguardo sono tanti, e leggendoli non si può non riflettere sul fatto che le relazioni tra i sessi e le forme parentali conosciute (e spesso imposte) dagli esseri umani ai simili della sua specie siano solo costruzioni ideologiche e culturali. Secondo diversi studiosi in natura non esisterebbe una ”normalità che si chiama eterosessualità”. Sarà davvero così? Il dibattito è aperto.

    Delfino

    L’omosessualità è stata osservata in più di 1500 specie animali. Ad esempio, in genere i maschi di delfini tursiopi sono bisessuali, ma vivono anche periodi di esclusiva omosessualità.

    Balene grigie

    Nelle balene grigie le interazioni omosessuali sono abbastanza frequenti.

    Tricheco

    I maschi adulti dei trichechi sono bisex.

    Anatre a Buckingam Palace

    Se i pulcini maschi di anatra nascono e crescono per più di tre mesi in assenza di una presenza femminile, una volta adulti questi tendono a formare coppie dello stesso sesso.

    Gabbiani

    Sia il gabbiano australiano che quello comune hanno atteggiamenti omosessuali e bisessuali verso gli altri esseri della propria specie.

    Cacatua

    Il 44% dei pappagalli Cacatua sono omosessuali. La stessa percentuale degli eterosessuali, ma attenzione: l’11% di questi simpatici volatili è bisessuale.

    Rupicola Rupicola

    Il 40% dei maschi della specie Rupicola rupicola (i galletti di roccia), uccelli della foresta amazzonica, è coinvolta in attività omosessuali e una piccola parte di questa non si accoppia mai con delle femmine.

    Cigno

    Molti maschi dei cigni neri si accoppiano con le femmine ma poi rubano l’uovo deposto dalla partner e si preoccupano di covarlo con il loro amico gay.

    Fenicottero

    Come i cigni, anche i fenicotteri sono soliti ”rubare” i figli altrui, tanto da arrivare a scacciare dal proprio nido una legittima coppia eterosessuale, per potersi impossessare delle uova.

    Macaco del Bioparco di Roma sotto la neve

    Tra la popolazione del Macaco giapponese possiamo affermare che gli omosessuali sono il 9%, i bisessuali sono il 56% e gli eterosessuali sono il 35%.

    Bonobo

    La scimmia più antropomorfa esistente è il Bonobo. Questi primati sono in pratica tutti bisessuali. Infatti hanno relazioni sessuali con esemplari femmine e maschi, indistintamente.

    Gli animali del Bioparco di Roma sotto la neve

    Anche i bisonti americani hanno dato evidenza che fra di loro l’omosessualità esiste e viene praticata con frequenza.

    Cina, splendide farfalle al parco floreale di Luoyang

    Da osservazioni naturalistiche si è potuto imparare che i pinguini ‘maschi’ si accoppiano spesso tra loro. Inoltre comportamenti bisessuali sono stati osservati anche in altre specie diverse tra loro, come le ostriche, gli scimpanzé nani, le farfalle e le giraffe.

    1406