Com’è cambiato il clima negli ultimi 20 anni?

Com’è cambiato il clima negli ultimi 20 anni?
da in Ambiente, Inquinamento, Inquinamento atmosferico
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19/10/2016 07:17

    cambiamenti climatici

    Sin dalla nascita del pianeta, la Terra è stata soggetta innumerevoli volte a cambiamenti climatici che hanno modificato la vita presente in questo pezzo di sistema solare. Ma il modo in cui è cambiato il clima negli ultimi 20 anni allarma e preoccupa scienziati ed opinione pubblica, per la forte accelerazione impressa a tali mutamenti, di cui l’uomo è tutt’altro che incolpevole: ecco perché molti ritengono cruciale la sfida della COP21, la Conferenza sul clima di Parigi nel mese di dicembre 2015, in cui i principali governi internazionali devono trovare un accordo per cercare di frenare la rapidità dei cambiamenti climatici, e fare in modo che la Terra resti un pianeta ospitale anche per le prossime generazioni, cercando di intervenire sulle cause che hanno portato a questa situazione.

    riscaldamento globale

    Per mantenere dei valori medi adatti alla vita, la temperatura della biosfera terrestre si è regolata per molti secoli combinando 5 fattori determinanti: calore interno del pianeta, fenomeni legati alle correnti oceaniche e all’evaporazione marina, irraggiamento solare, la presenza dell’atmosfera che attenua gli sbalzi di temperatura, e infine effetto serra naturale. Il riscaldamento globale, così come in altre ere il raffreddamento, è dovuto alla variazione quantitativa di qualcuno di questi fattori.

    effetto serra

    L’effetto serra naturale, che amplifica il calore termico dell’irraggiamento solare, con la progressiva industrializzazione delle aree più ricche del pianeta ha condotto al riscaldamento globale della Terra: secondo i dati dati dell’Intergovernamental Panel on Climate Change, nel periodo compreso tra il 1880 al 2012 vi è stato un riscaldamento medio di 0.85°C.

    emissioni co2

    Il cosiddetto global warming ha subito un’accelerazione negli ultimi 20 anni per le massicce emissioni di CO2, metano e altri gas serra derivanti dall’uso di combustibili fossili. Cos’è cambiato nelle ultime due decadi? Paesi un tempo in via di sviluppo, come India, Cina, Brasile e altri ancora, hanno colmato il gap industriale con l’Occidente: l’altra faccia del boom economico è stata il surriscaldamento, i cui principali responsabili restano comunque i Paesi più industrializzati dell’Occidente.

    disastri naturali

    Nel 2014 si è raggiunto il record della temperatura media globale: l’impennata della colonnina di mercurio della Terra ha generato un aumento dei disastri naturali come alluvioni, cicloni, forti temporali, anche laddove vigeva un clima più temperato, come in Italia, dove nel 2014 è stato raggiunto l’aumento record +1.45°C rispetto al trentennio 1971-2000.

    mappa protocollo kyoto

    Da diversi anni i governi internazionali cercano di raggiungere accordi per la riduzione di emissioni: il più importante è stato il Protocollo di Kyoto redatto nel 1997, che prevedeva l’impegno dei Paesi aderenti a ridurre la produzioni di agenti inquinanti in una misura non inferiore all’8,65 per cento rispetto alle emissioni registrate nel 1985, nel periodo 2008-2014. L’accordo è stato poi esteso, arricchito, modificato da altri impegni internazionali, l’ultimo dei quali lo storico accordo tra Usa e Cina. Ma lo scarto tra le promesse e i fatti è ancora troppo ampio, e il riscaldamento globale non accenna a diminuire.

    799

    PIÙ POPOLARI