35 curiosità su Marte (che non sapevi di voler conoscere)

35 curiosità su Marte (che non sapevi di voler conoscere)
da in Ambiente, Asteroidi, Astronomia, Pianeti, Sistema solare, Galileo Galilei, Marte
Ultimo aggiornamento: Martedì 22/11/2016 19:21

    Spettacolare tramonto blu su Marte

    Le curiosità su Marte non mancano di certo, questo pianeta è davvero molto affascinante nonostante si dica, proprio negli ultimi tempi, che gli esperti siano riusciti a risolvere tutti i suoi misteri ed enigmi. Il pianeta rosso riserva – e siamo convinti lo farà ancora per tanto tempo – una gran quantità di aneddoti e curiosità da sfogliare e risfogliare, anche perché le scoperte da parte degli scienziati sono davvero all’ordine del giorno. L’ultima scoperta dei ricercatori è che su Marte c’è acqua, è salata, arriva dal suolo ed evapora immediatamente. L’origine e la composizione chimica di quest’acqua è ancora sconosciuta, e mentre gli scienziati continuano a studiare per trovare risposte, nel frattempo facciamo un giro intorno a Marte con le curiosità più strane e divertenti. Lo sapevate che i tramonti su Marte sono blu?

    Oltre 100.000 persone hanno presentato domanda per un viaggio di sola andata per colonizzare Marte nel 2022.

    Galileo Galilei fu il primo ad osservare Marte con un telescopio, nel 1609.

    Nell’agosto del 2003, Marte fu estremamente vicino alla Terra come non lo fu mai per oltre 60.000 anni. La prossima occasione accadrà nel 2287.

    La temperatura media di Marte è -23°C, con picchi invernali che raggiungono i -96°C.

    L’emisfero nord e sud di Marte sono così diversi che potrebbero essere due pianeti distinti.

    Un anno su Marte corrisponde a 687 giorni terrestri.

    Marte ha la più alta montagna conosciuta su un pianeta del nostro Sistema Solare, con una altezza di 22 km.

    Marte è popolato interamente dai robot. Sette per essere precisi.

    Guidando un’auto a 100 km/h, si impiegherebbero 271 anni e 221 giorni per raggiungere Marte dalla Terra.

    Marte contiene il più vasto labirinto di canyon del Sistema Solare, chiamato Noctis Labyrinthus.

    Uno dei più enormi canyon di Marte è chiamato Valles Marineris, è lungo oltre 3700 km e profondo oltre 6 km.

    Marte ospita una vasta pianura chiamata Hellas, che si estende per oltre 2000 km. E’ stata creata dall’impatto di asteroidi circa 4 miliardi di anni fa.

    Marte ha le più violente tempeste di sabbia dell’intero Sistema Solare con venti che viaggiano ad oltre 180 km/h. Possono durare settimane, e possono ricoprire l’intera superficie del pianeta.

    Il colore rosso di Marte è dovuto all’ossido di ferro, noto come ruggine, ed ha la consistenza del talco.

    Gli Egizi hanno dato il primo nome a Marte: Har dècher “Colui che è Rosso”. I Babilonesi lo hanno chiamato Nergal (Stella della Morte). I Greci ed i Romani lo hanno chiamato come le divinità della guerra, Ares e Marte. Gli Ebrei lo hanno chiamato Ma’adim (che divampa).

    Gli Egizi chiamavano Marte il viaggiatore al contrario, dato che Marte sembra muoversi in senso contrario allo Zodiaco.

    Il simbolo di Marte sembra uno scudo ed una lancia, ed è lo stesso simbolo usato per indicare il sesso maschile.

    Nessun essere umano può sopravvivere alla bassa pressione di Marte. Senza una tuta spaziale addosso, l’ossigeno presente nel corpo umano si trasformerebbe in bolle provocando la morte.

    Il mese di Marzo è stato chiamato così da Marte.

    La crosta di Marte è più sottile di quella terrestre, ed è composta da un pezzo unico, contrariamente alla Terra la cui crosta è formata da diverse placche in movimento.

    L’atmosfera di Marte, per lo più composta da biossido di carbonio, è così sottile che l’acqua non può esistere allo stato liquido.

    Solo un terzo delle sonde inviate su Marte hanno avuto successo (nella foto: Curiosity).

    Marte è più leggero della Terra: solo 1/10 della sua massa.

    L’ambiente terrestre che più somiglia a quello marziano è il deserto Antartico, anche se rimane molto più ospitale di qualunque altro ambiente su Marte.

    Le stagioni su Marte sono due volte più lunghe che sulla Terra, e sono simili a causa della stessa inclinazione dell’asse planetario, dato che il Pianeta Rosso impiega 687 giorni per orbitare attorno al Sole.

    Durante l’inverno marziano circa il 20% dell’aria congela.

    Le due lune di Marte sono molto piccole (Phobos 20,8 km e Deimos 9,6 km di diametro) e riflettono poca luce: sono infatti tra i corpi meno luminosi del Sistema Solare.

    Marte non ha un campo magnetico, il che fa supporre che non abbia un nucleo di metallo fuso come la Terra.

    Se un uomo di 100 kg si trovasse su Marte peserebbe soltanto 37,5 kg a causa della bassa gravità.

    Marte ha il più grande monte del Sistema Solare: il Monte Olimpo. Si staglia per 24 km dalla superficie (tre volte l’Everest) ed ha un diametro di 600 km equivalente all’Arizona.

    Il 14 novembre 1971, la sonda Mariner 9 ha compiuto la prima orbita attorno a Marte, e fu in grado di trasmettere quasi 73.000 immagini del pianeta.

    Solo 12 meteoriti provenienti da Marte sono noti sulla Terra. Il più famoso è il meteorite di Allan Hills (ALH 84001), che si ritiene sia giunto sulla Terra 13.000 anni fa, schiantandosi in Antartide. Al suo interno sono stati osservati alcuni fossili di organismi microscopici.

    Fino a poco tempo fa si riteneva che le calotte polari di Marte fossero composte da ghiaccio secco, con una piccola parte di acqua. In realtà, sono composte in maggior parte da ghiaccio d’acqua, ed uno strato superficiale di ghiaccio secco.

    Se fatta sciogliere, l’acqua presente nei poli marziani potrebbe ricoprire l’intero pianeta con uno strato di circa 10 metri.

    2916

    PIÙ POPOLARI