Enciclica Papa Francesco sull’ambiente: tutti i punti salienti

Tutti i punti salienti di Laudato si, l'enciclica di Papa Francesco sui temi dell'ambiente e dell'ecologia, un monito contro i guasti generati dall'egoismo dei Potenti e dei ricchi

da , il

    Dopo una serie di anticipazioni diffuse dalla stampa, è stato finalmente reso noto il contenuto dell’enciclica di Papa Francesco dedicato ai temi dell’ambiente: dopo aver infranto coraggiosamente vari tabù millenari della Chiesa, con l’enciclica Laudato si’ Bergoglio potrebbe passare alla storia come il ‘Papa verde’ per l’attenzione e la sensibilità che il documento mostra riguardo le tematiche ambientali. Non a caso associazioni come Greenpeace, Wwf ed altre hanno già manifestato il loro enorme apprezzamento per lo scritto del Papa, 246 paragrafi suddivisi in sei capitoli, che influirà certamente sul dibattito pubblico internazionale, alla vigilia di una serie di summit decisivi per il clima e le sorti del pianeta. Ecco i punti salienti dell’enciclica del Papa, che si schiera senza mezzi termini con i poveri e la Natura, puntando il dito contro l’egoismo dei Potenti.

    Ecologia integrale

    Il concetto di ecologia integrale è l’architrave su cui poggia tutto il pensiero del Papa in merito alle sorti del pianeta e la direzione che l’umanità deve intraprendere, una visione nuova che tenga conto che il mondo è tutto interconnesso, e che necessita di stili di vita alternativi a quelli odierni.

    Danni al pianeta

    Papa Francesco sottolinea la visione della Terra come casa comune che ‘sembra trasformarsi sempre più in un immenso deposito di immondizia‘. Bergoglio elenca tutti i danni causati dall’uomo al pianeta, evidenziando come le contromisure vengano prese quando gli effetti irreversibili sono già in atto.

    Clima

    Il Pontefice si sofferma sui cambiamenti climatici accusando chi detiene risorse e potere di ‘mascherare i problemi o nasconderne i sintomi‘. Più volte nell’enciclica Bergoglio attacca chi detiene ricchezze e potere, ad esempio quando ricorda che i più poveri hanno pagato il prezzo del salvataggio delle banche.

    Tecnologia

    Non poteva mancare un passaggio contro questa era dominata dalla tecnologia, l’illusorio paradigma della crescita illimitata in cui tutto si crede possibile grazie al progresso. Il Papa invita ad abbracciare uno stile di vita alternativo, contro l’omologazione e la massificazione.

    Acqua

    Un passaggio molto importante dell’enciclica è riservato all’accesso all’acqua, a chi ce l’ha e chi no, puntando il dito contro le privatizzazioni ma anche lo spreco, ‘una questione educativa e culturale, perché non vi è consapevolezza della gravità di tali comportamenti‘ in un tale contesto di forte iniquità.

    Soluzioni

    Quali soluzioni il Papa ritiene debbano essere messe in atto? Bergoglio parla esplicitamente di ‘un’agricoltura sostenibile e diversificata, forme rinnovabili e poco inquinanti di energia‘, affermando che la politica non deve sottomettersi all’economia, e che i popoli devono abbandonare il ‘consumismo ossessivo‘, in nome di una conversione ecologica.