Cambiamenti clima: l’Apocalisse si avvicina secondo l’orologio della scienza

da , il

    Cambiamenti clima: l’Apocalisse si avvicina secondo l’orologio della scienza

    L’eterno dibattito tra allarmisti e scettici sul fronte ambientalista è destinato a rinfocolarsi a causa dell’orologio dell’Apocalisse, un orologio simbolico creato dagli scienziati dell’università di Chicago nel 1947, secondo cui nell’anno appena iniziato siamo giunti a tre minuti dalla mezzanotte, dove mezzanotte significa la fine del mondo. Negli ultimi tempi si sono moltiplicati gli appelli ai leader internazionali e le relazioni che parlano di punto di non ritorno sui cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo il pianeta, e questa volta il grido di attenzione giunge dal Bulletin of the Atomic scientists science, che al suo interno include anche 17 premi Nobel.

    Nel 2015 il cambiamento climatico incontrollato, l’ammodernamento globale delle armi nucleari e gli arsenali atomici fuori misura pongono straordinarie e innegabili minacce per la sopravvivenza dell’umanità, e i leader mondiali hanno fallito nell’agire con la velocità o con la scala necessarie per proteggere i cittadini da una potenziale catastrofe. Questi fallimenti della leadership politica mettono in pericolo ogni persona sulla Terra‘, sostengono gli scienziati. L’orologio dell’Apocalisse prevedeva che il mondo si sarebbe autodistrutto durante la Guerra Fredda per un scontro bellico nucleare tra Usa, Urss e Cina, e quando venne creato nel 1947, fu impostato a sette minuti dalla mezzanotte: oggi siamo a tre, ma la minaccia più che dalla corsa al nucleare arriva dai camnbiamenti climatici, ‘a mano che non si prenda un’azione immediata‘.

    Secondo gli scienziati del Bulletin, ‘la probabilità di una catastrofe è molto alta: nel 2015, con la lancetta dell’orologio spostata avanti fino a 3 minuti dalla mezzanotte, ci sentiamo costretti ad aggiungere, con un senso di grande urgenza, che la probabilità di una catastrofe globale è molto alta, e le azioni necessarie a ridurre il rischio di un disastro vanno prese molto presto‘, conclude la nota. L’ultima volta che la lancetta dei minuti dell’orologio si è spostata è stato nel gennaio 2012, quando venne portata avanti di un minuto da sei a cinque minuti a mezzanotte, mentre ora è stato fatto un balzo di ben due minuti. La situazione era già precipitata a questo livello nel 1983, quando i rapporti tra Usa e Urss erano ai minimi storici, ma ‘oggi il cambiamento climatico incontrollato e una corsa agli armamenti nucleari derivante dalla modernizzazione degli enormi arsenali atomici rappresentano minacce straordinarie e innegabili per la sopravvivenza dell’umanità, i leader mondiali non sono riusciti ad agire con la velocità o sulla scala necessaria per proteggere i cittadini da potenziale catastrofe. Queste carenze nella leadership mettono in pericolo ogni persona sulla Terra. Sulla base delle loro osservazioni, i membri del Bulletin e i membri del suo consiglio trovano la condizione del mondo in uno stato così minaccioso che si stanno portando avanti le lancette due minuti più vicino alla mezzanotte. Ora siamo a 3 minuti dalla mezzanotte‘. Ben più di un monito, arriva un vero e proprio atto d’accusa contro i potenti della Terra da parte della scienza.