Le 10 cascate più belle d’Italia

Le 10 cascate più belle d’Italia
da in Acqua, Ambiente, Natura
Ultimo aggiornamento: Giovedì 20/10/2016 07:17

    Quali sono le cascate più belle d’Italia? Da questo punto di vista c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Paesaggi incontaminati, che si affacciano sui parchi più belli della nostra penisola e che sono dominati a tutti gli effetti dalla natura. Queste cascate riescono a garantire delle emozioni incredibili per l’altezza e per la vista che offrono. Scopriamole tutte.

    Le cascate dell’Acquafraggia si trovano in Lombardia. Hanno origine dal Pizzo Lago, che si trova a 3.050 metri d’altezza. Per riuscire ad andare verso il fondo valle, devono percorrere due valli sospese, che sono entrambe di origine glaciale. Per osservare queste cascate, bisognerebbe andare alla loro sommità, percorrendo un sentiero che si inerpica fra alberi e rocce.

    Anche le cascate del Serio si trovano in Lombardia. Il fiume Serio è in grado di formare un salto a tre volte, riuscendo a mostrare uno spettacolo bellissimo. Possono essere considerate le più alte d’Italia, con i loro 315 metri d’altezza. Sono anche le seconde in Europa.

    La cascata dell’Aniene si trova in Lazio, più precisamente nel Parco Villa Gregoriana, all’interno del quale ci sono anche i resti dell’antica acropoli di Tivoli. Il salto della cascata è di 120 metri. Prima di compiere questa cascata, il fiume attraversa un boschetto, caratterizzato ad alberi secolari e da molti cunicoli, che sono stati scavati dalle acque.

    La cascata del Marmarico è in Calabria, nell’Appennino meridionale. Nasce dal fiume Stilaro e si trova all’interno del Parco naturale delle Serre, fra il Parco della Sila e quello dell’Aspromonte. Questa cascata è alta 114 metri e per raggiungerla si deve attraversare un sentiero che costeggia il fiume. Il paesaggio naturale che si può ammirare è davvero stupendo.

    E’ una delle fantastiche cascate delle Alpi. Fa un salto di 143 metri e può essere considerata una delle più elevate d’Europa. Per poterla ammirare meglio, è stato costruito un ponticello di legno. Le acque di questa cascata vengono utilizzate per produrre elettricità.

    La cascata delle Marmore, in Umbria, con un dislivello di 165 metri, è considerata Patrimonio Mondiale dell’Umanità. All’interno del Parco delle Marmore ci si può avventurare in molti sentieri, per effettuare escursioni meravigliose. Tra l’altro, proprio all’interno di questo territorio, si possono trovare delle specie vegetali e animali molto interessanti. L’acqua della cascata viene utilizzata per alimentare delle centrali idroelettriche.

    Le cascate dell’Acquasanta nelle Marche costituiscono una veduta paesaggistica dai toni stupendi. Per vederle al meglio, ci si deve immettere in un sentiero, che consente di ammirare anche diverse cascatelle.

    Le cascate di Riva sono nell’Alto Adige. In totale sono tre e tutte sono molto impetuose. Si può ammirarle soprattutto in estate, quando avviene il disgelo del ghiacciaio che sta alla loro sommità.

    Le cascate di Molina sono nel Veneto, immerse in un’area costituita da acqua, rocce e vegetazione. In questo territorio si trova anche la grotta di Fumane, che è stata abitata dagli uomini preistorici.

    La cascata dell’Acquacheta si trova tra l’Emilia Romagna e la Toscana ed ha origine dal fiume Acquacheta, che nasce sull’Appennino Toscano. Il luogo dove si trova ha un intenso valore culturale, perché è compreso nei cosiddetti parchi letterari.

    744

    PIÙ POPOLARI