Doppia eclissi di Luna e Sole ad aprile: ma in Italia non si vedrà

da , il

    Doppia eclissi di Luna e Sole ad aprile: ma in Italia non si vedrà

    Per gli appassionati di astronomia, il periodo di aprile 2014 resterà negli annali: una doppia eclisse di Sole e di Luna interesserà infatti il nostro pianeta, che nello stesso periodo sarà attraversato anche da uno sciame meteoritico. Le prossime eclissi che si vedranno dalla Terra cominceranno a partire dal giorno 15, ma i due fenomeni che interessano Sole e Luna purtroppo lasceranno a bocca asciutta gli italiani, che non potranno ammirare lo spettacolo dalla nostra penisola.

    Il 15 aprile, tra le ore 9 e le 10 e 30 italiane, gli abitanti di Nord e Sud America, Australia e Nuova Zelanda potranno gustarsi un’eclissi totale di Luna: il fenomeno è possibile quando la Terra si interpone tra il Sole e il nostro satellite, e il risultato è appunto che la Luna viene ad essere oscurata, o in forma parziale oppure totalmente come previsto in questo caso. Quel giorno chi rivolgerà all’insù il proprio sguardo potrà ammirare una spettacolare Luna rossa, grazie alla luce filtrata dall’atmosfera terrestre che si rifletterà sul satellite. La seconda eclisse avverrà il 29 aprile poco dopo le 8 ore italiane, ma sarà visibile per un numero ancora più esiguo di persone, giacché si presenterà sotto forma di uno spettacolare anello di fuoco solo in una piccola porzione dell’Antartide: in questo caso sarà la Luna ad interporsi tra Sole e Terra, oscurando l’astro quasi del tutto, lasciando intravedere esclusivamente una cornice di luce. Da qui il nome tecnico di eclissi anulare di sole.

    Gli appassionati italiani non si disperino troppo, poiché potranno comunque consolarsi con un altro fenomeno celeste di estrema rilevanza: dal 15 al 28 aprile, con picco il giorno a cavallo tra il 22 e il 23 del mese, la Terra sarà caratterizzata dall’arrivo dello sciame meteorico delle Liridi, originate dalla Cometa Thatcher. Ciò significa poter assistere ad una pioggia di stelle cadenti, e la quasi totale assenza di Luna in quel periodo consentirà al fenomeno di essere perfettamente visibile, grazie ad un cielo nitido. Secondo un calcolo effettuato dagli esperti, con un po’ di fortuna potremmo vedere in media dalle dieci alle trenta meteore ogni ora, a parziale compensazione della spettacolare doppia eclissi che sarà negata dalla prospettiva del nostro Paese.